View Colofon
Original text "Thuis" written in NL by Lisa Weeda,
Other translations
Proofread

Maria Gaia Belli

Published in edition #2 2019-2023

A casa

Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Lisa Weeda

Il mulino, il sentiero che porta al fiume, il pozzo, i cavalli, le mucche e il grano. I secchi crepati colmi di pomodori rosso sangue, i barattoli da conserva ben chiusi con le verdure messe sottaceto per l’inverno. Lo stretto corso d’acqua del Severski Don, che cuce i campi uno all’altro, stringe la Russia all’Ucraina, tiene insieme la cartina come fa il mio bisnonno Nikolaj con le giacche che impuntisce con ago e filo. Il vento nelle vele del mulino, le ragazze del komsomol sulla piazza centrale del paese.

Ballano. Si prendono a braccetto, si tengono in equilibrio l’una con l’altra inclinando i corpi di lato e slanciandosi da terra giusto con la forza necessaria. Il mulino quasi non emette suoni, il meccanismo di legno cigola una volta sola. Poco più in là, il mio bisnonno Nikolaj cammina per il campo di grano. Tiene le spighe tra le mani, strappa un pezzo dello stelo, ne stacca qualche chicco che poi si mette in bocca. Fa scrocchiare il grano secco e sente il sapore della terra in cui cresce mia nonna: dolce e amaro. Mastica, ascolta gli animali, il grano nel vento. Guarda il suolo nero sotto i suoi piedi – questo lembo di terra così fertile da sfamare l’intera Unione Sovietica e per il quale si combatterà sempre. Eccolo lì, il mio bisnonno nel campo dorato, sotto il cielo limpido.

Più mi avvicino al luogo in cui è nata mia nonna, più il cielo della sua gioventù si fa di un azzurro intenso. A ogni chilometro che mi allontana dalla mia terra natia, le buche nell’asfalto diventano più grandi. La gente ci infila dei lunghi rami, per impedire incidenti mortali con la macchina, e ogni tanto spunta un girasole che si allunga solitario. Conto sempre più case diroccate, finché non sfioro con le punte delle dita i fori di proiettile nella staccionata della mia prozia Nina. Imparo che l’azzurro può essere tutto: che gli occhi azzurri delle mie prozie si trasformano in graffianti e impenetrabili lastre di ghiaccio quando si parla di politica, sono cime di montagne che diventano ghiacciai scivolosi quando loro piangono e imprecano.

Mentre mangiamo, nei loro occhi tutto si calma come i laghi del Caucaso: un panorama sereno e piacevole, dove ci si sente al sicuro. Una volta, la mia bisnonna Anna affermò che gli occhi di tutte le sue figlie e di tutti i suoi figli sarebbero stati azzurri come il cielo sopra la campagna ucraina. Ogni figlio che nacque le diede ragione. La sua prima figlia, Anastasiia, venne al mondo con gli occhi più azzurri di tutti. Il suo sguardo spiccava intenso in ogni ambiente in cui veniva portata.

Anastasiia emanava luce, persino durante i suoi ultimi giorni sul letto di morte, quando un ragazzo di Lugansk andò a chiedere la sua mano e fu impossibile staccarlo da lei. Quando la mia giovane nonna venne spedita fuori, perché non fa bene vedere un morto se si è così piccoli.

A 2.722 chilometri dai campi dove Nikolaj tiene tra le braccia per la prima volta la figlia Anastasiia, appena nata, Folkert Jan mi fa salire a bordo della sua nave. Tra la banchina e il ponte scorre la Beneden-Merwede, sopra di noi sono sospese le nubi olandesi con il cielo sbiadito sullo sfondo, un cielo che non contrasta mai davvero con il paesaggio, che non diventa mai di un azzurro pieno e acceso, ma cerca sempre di amalgamarsi educatamente con tutto. Sento la pelle pulsare per l’umido caldo olandese, che mi avvolge come un panno appiccicoso già da alcuni giorni. Sulla coperta di ferro della Semplonius I , dipinta di bianco e nero, il caldo non fa che aumentare. Folkert Jan osserva a braccia incrociate la sua nave portacontainer lunga 192 metri e dice: «E insomma eccoti qua. Be’, benvenuta». Ha la faccia ricoperta di lentiggini, i capelli rossicci brillano al sole.

«Sai che per quattro giorni non puoi scendere, eh?» scherza.

Sposto lo sguardo verso il ragazzo mingherlino con una tuta da lavoro arancione, che sta lavando il ponte con un getto d’acqua, e verso il filippino minuto, che è appena saltato giù dalla nave e beve un caffè da un bicchiere di carta, sul molo della stazione di rifornimento. Ci scambiamo un cenno di saluto.

«Questa è una nave tranquilla» dice Folkert Jan, «con persone cortesi. Su certe navi non si va per il sottile, gli uomini sono un po’ spacconi. Lì, di solito, nessuno si ferma a dormire.»

Mia madre, con le mani sui fianchi, se ne sta sulla banchina a guardare i container, infilati a quattro piani di profondità nel ventre della nave. Il suo sguardo li passa in rassegna, la vedo contare annuendo: quattro in altezza, quattro in ampiezza, undici in lunghezza. Avanzo lentamente dietro Folkert Jan, verso l’altro lato della nave.

La prima volta che tornano insieme nella Madrepatria, mia madre e mia nonna nuotano nel Severski Don.

«Non è lo stesso fiume» dice mia nonna dopo che sono state sballottate dalle onde per un po’, «sembra anche che ci siano meno colline, che sia stato spianato tutto».

È l’estate del 1973, Stanitsya Lugansk è calda e polverosa, la zia Nina ha teso un telo tra la casa e il capanno per fare ombra. Mia madre parla russo a stento, ma dalla bocca di mia nonna rotolano fuori all’improvviso dei suoni pieni e altisonanti.

Un russo fluido e impeccabile che mia madre, a casa in Olanda, non aveva mai sentito parlare con tanta generosità. Adesso sente solo russo, tutto il giorno. Per mia madre significa un infinito lavoro di mani e piedi, che a ogni sorso di vodka le riesce meglio. Una sera dopo l’altra, lei e mia nonna devono andare in visita da qualche parte, per sedersi anche loro sotto un telo teso in un grande giardino, a una lunga tavolata piena di cibo, succo fresco e vodka. Si siede tra cugini di cugini, accanto a ragazzi e ragazze che si definiscono suoi fratelli e sorelle – come mio cugino Maksim non è mio cugino, ma mio fratello, una parola che mi dà subito una sensazione di vicinanza. Mia madre si ritrova sul piatto delle fette di cocomero giganti, talmente grandi che ci può infilare tutta la faccia. Il succo rosso del cocomero è più dolce che a casa, rinfresca il suo corpo surriscaldato. Il cibo in tavola è più grasso, più pieno, i pomodori non hanno un sapore acquoso, ma sanno di caldo e di estate, la vodka è pungente e fredda. Mia madre stona nei suoi jeans, e con il passare delle settimane indosserà sempre più spesso abiti a fiori, diventando a poco a poco un tutt’uno con le sue sistri e zie, con la nonna Anna, che pela patate sulla sua sedia in giardino, sotto il melo. La nonna getta le patate nella pentola e posa le bucce nel grembiule che tiene sulle ginocchia. Mia madre si domanda se si farà mai mettere un dente d’oro, come le sue zie, le cui bocche risplendono all’ultima luce della sera quando ridono.

La Semplonius I parte. Mia madre è tutta sola sul molo della stazione di rifornimento e mi saluta con la mano finché non sparisco dalla vista, come fa mia nonna quando lascio il suo appartamento nella casa di riposo. Nella nostra famiglia si saluta fino a che non si è girato l’angolo, fino a quando non ci si vede proprio più. Da noi si suona il campanello due volte per far sapere che si è “di casa”. Appoggio la borsa nella mia cabina e apro la finestra sopra il letto. L’acqua scivola via in silenzio. I ciclisti corrono sulle dighe, i mulini raccolgono vento e le pale girano in cerchio.

«Ancora circa 500 chilometri fino a Mannheim» dice Edwin dalla cabina di comando, «e navighiamo grossomodo a 10 chilometri all’ora, quindi calcola un po’ tu».

Sul braccio ha un tatuaggio che si legge sia come EDWIN che come EDMIN, la M e la W sono tatuate una sopra l’altra. Tra due giorni mi racconterà che è stato solo un errore, quella M, che per un periodo, tra i suoi amici, è andato di moda farsi tatuare il proprio nome sul corpo a caratteri gotici. Io gli porgerò l’avambraccio per mostrargli il nome di mia nonna, Александра: Aleksandra. È scritto con la sua grafia.

Edwin preme un pulsante. Lentamente ci alziamo in aria con cabina di comando e tutto, fino a che non siamo più alti dei container. Vediamo la punta della nave, io riesco a vedere il fiume. Passiamo sotto ponti che da bambina attraversavo in macchina, seduta dietro, lungo argini su cui d’estate andavo in bicicletta con i miei genitori.

Dal ponte di poppa guardo il sole che sprofonda poco a poco nel paesaggio lasciando strisce rosse nel cielo, appoggia sull’acqua lunghi fasci di luce, come macchie di acquerello sulla carta. La bandiera olandese si agita al vento, a volte si ripiega su se stessa, altre si distende. Uomini su sedie da pescatore fanno cenni di saluto, coppie di una certa età fermano le biciclette per guardare la nave. Dal fiume tutto sembra rallentato, il tempo è diverso, la vita prende un altro ritmo. Quando naviga qui negli ultimi giorni dell’occupazione dell’Olanda, mia nonna vede accadere lo stesso: anche se sulla riva è stato fatto saltare in aria tutto, in acqua sembra che non sia successo nulla, è silenzioso e sicuro. La vedo passare, ci incrociamo, l’acqua del fiume tra la Semplonius I e la sua nave si increspa, spumeggiante. Lei è diventata magra, ossuta. Indossa una camicia bianca e una gonna a tubo. Ha le braccia e le gambe scure, le guance rosse. Dà i pannolini di tela di Peter a suo marito Kees, che sporge con la pancia dal parapetto della nave. Kees lava i pannolini in acqua sfregandoli con un pezzo di sapone, li strizza alla bell’e meglio contro il fianco della nave. Io non dico niente, non invoco il nome di mia nonna (Sasja, per gli intimi) sull’acqua che si frange, guardo soltanto. Le sue mani sottili che passano tra i capelli del piccolo Peter, tra i suoi riccioli pettinati di lato con la cera, che lui da ragazzo cospargerà con ancora più cera, e drammatizzerà quell’aspetto andando in moto a tutto gas lungo il fiume Merwede. Mia nonna guarda il fiume alle sue spalle con soddisfazione e sollievo, e rivolge davanti a sé gli occhi di un azzurro limpido e brillante, con un sorriso accennato sul viso. Andiamo a casa, diciamo io e lei all’acqua. Lascio il ponte di poppa solo quando scompare dalla vista, quando il fiume descrive un’ansa e il cielo della sera si fa blu.

More by Olga Amagliani

Pesce piatto

Galleggio con il viso sott’acqua e resto calma. Non devo attirare l’attenzione, non devo sprecare energia. Basta stare ferma, così. Respirare piano, molto piano. Pluf! Salendo, le bollicine mi solleticano le guance. All’ultimo momento il mio corpo sarà scosso da un fremito, la pancia si contrarrà per costringere la bocca ad aprirsi e a quel punto, con calma e decisione, tirerò la testa fuori dall’acqua e prenderò una bella boccata d’aria. «Settantadue secondi!» griderà qualcuno. Questa è un’abilità che nella vita non ti porta da nessuna parte. Al massimo ti avvicina a te stessa. Sto sul f...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Nikki Dekker

Non voglio essere un cane

Eliminare le pene d’amore, digito. Adesso deve finire. Vedo storie di persone, ma io non voglio storie, voglio soluzioni, non compassione. Trasformazione, digito. Secondo Google, la trasformazione è presente nella matematica e nella genetica. Scelgo la seconda, prendendo così la mia prima decisione. Sono stanca di questo corpo che è già stato baciato da troppe persone, che forse è stato rovinato, l’ho trattato senza scrupoli, con troppa leggerezza, deve sparire, cambiare, e in meglio. Trasformazione genetica. Sullo schermo lampeggia «dieta depurativa». Trasformati in una nuova versione di te. ...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Alma Mathijsen

Preparare un corpo

Ci sono mondi interi sotto la nostra pelle. Almeno, se posso fidarmi delle illustrazioni. A volte non ne sono sicura. Mi afferro la clavicola, che sporge all’infuori se sollevo le spalle. Lo faccio spesso. La clavicola è un osso forte, ma sottile. Potrei romperla. Magari non a mani nude, ma se ci sbatto contro qualcosa di pesante, quella scultura di pietra massiccia per esempio, si rompe di sicuro. Non serve molto per finire male. Basta mandare qualcosa di traverso una sola volta ed è fatta. Dove sono finiti i pezzi che si infilano nel buco sbagliato? Oltre alle tonsille che mi penzolano in f...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Nikki Dekker

L'evoluzione di un dente

Ancora 47 notti L’igienista mi toglie il raschietto dalla bocca. «Vedi?» chiede, quasi orgoglioso. Sul raschietto c’è uno strato di saliva grigiastra. «Questo viene dalla tasca». Una strana parola per un buco tra la mia gengiva e l’ultimo molare. Una tasca dà l'idea di qualcosa di grande, qualcosa in cui puoi tenere le chiavi, magari anche del gel disinfettante o un telefono. Nella mia tasca ci sono solo dei resti di cibo triturato, vecchi di qualche mese. Poco dopo arriva anche il dentista e indica la mia mascella sullo schermo del computer. Il dente del giudizio in basso a destra si è...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Alma Mathijsen

Calcare

Insomma, ci vuole un po’ di tempo perché si formi del calcare su un soffione della doccia come questo. Adesso che me ne sto appeso per metà nel corridoio e metà sulle scale, con il tubo della doccia avvolto attorno al collo, penso: se i miei amici avessero visto il bagno, avrebbero capito. Se fossero saliti tutti di sopra anche solo una volta, come Emma quel pomeriggio, avrebbero visto il soffione della doccia, avrebbero aperto e chiuso il rubinetto, avrebbero notato la parete di vetro della doccia sporca di calcare, i miei peli della barba rasati frettolosamente e abbandonati nel lavandino, e...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Lisa Weeda
More in IT

Esmeralda

Candele al posto di lampadari, secchi al posto di bidet. Aborti casuali, legali e in abbondanza. Era il Medioevo, e quello era l’ennesimo parto domestico. Venne alla luce, felice, ed era la prima bimba con gli occhi blu. Per la prima volta nascevano sulla terra, sotto il cielo celeste, oculari toni di quanto sta lassù, e non qui in basso. Il primo miracolo dell’estetica. Gli occhi castani e/o neri del Regno non avevano mai visto niente del genere. La signora scese in strada. Con una mano portava verdure biologiche, con l’altra il neonato. Voleva recarsi in chiesa per farlo vedere, magari il pr...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Luis Brito

Tutti gli uomini diventano fratelli

Quando vidi Andrei andarsene, cominciai a volergli bene. Vidi il suo zaino nero, stracolmo, lo portava sulla schiena come un guscio. Era uno zaino così pieno che ti faceva capire che non era in viaggio, non stava andando da nessuna parte. Se fosse andato così in montagna, forse lo zaino l’avrebbe fatto cadere all’indietro e poi giù in un precipizio. Le cerniere erano malridotte, potevano cedere e scoppiare da un momento all’altro, e immaginavo che lo zaino si sarebbe spiegato, come un airbag, un cuscino gonfiabile, sempre più grande, un paracadute che l’avrebbe sollevato e condotto a destinazi...
Translated from NL to IT by Francesco Panzeri
Written in NL by Yelena Schmitz

Vita a metà

Casablanca, 1954 Si isola dal rumore dei bambini che giocano e le rimangono pochi suoni al giorno a cui aggrapparsi disperatamente. Raccoglie le rare voci che attraversano le pareti. Nel giro di pochi mesi conosce tutti i vicini senza mai lasciare la stanza; sa che nell’appartamento accanto passano sempre dei creditori, ma invano, poiché il suo vicino non ha intenzione di pagarli. «Neanche se mi strappano gli organi dal corpo e poi mi fanno fuori» lo sente dire alla moglie quando i creditori se ne sono andati. Quando sente frasi del genere, le sembra di essere parte delle storie e dei segreti...
Translated from NL to IT by Francesco Panzeri
Written in NL by Aya Sabi

Diário de uma Portuguesa em Angola

Per anni e anni sono stata bombardata da racconti sull’Angola. Racconti che andavano da un eccesso all’altro: da chi si innamora del paese e si sente subito a casa, a chi lo odia e non riesce in alcun modo ad adattarsi. Racconti incredibili, quasi da film, tanto che a noi che ascoltavamo non sembravano veri. Ho sempre pensato che fossero esagerati, come tutte le storie che, passando di bocca in bocca, si ingigantiscono. In questo caso, le bocche erano decisamente troppe. Per anni sono stata indecisa sul voler conoscere o meno un paese così mistico. C’erano momenti in cui pensavo fosse una met...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Patrícia Patriarca

Qualche minuto alla deriva

La giornata inizia prima del previsto. Avevo messo la sveglia alle 5.56, per diversi motivi. Volevo avere tempo per la meditazione dell’alba, e insieme, poter aspettare trenta minuti perché la pillola che migliora il funzionamento della tiroide facesse effetto prima del caffè, per poi iniziare una serie di esercizi che combinano lo smaltimento dei grassi alla tonificazione muscolare, usando solo il proprio peso, senza dimenticare, nel frattempo, di accendere il boiler, visto che l’acqua ci mette circa quattro ore a scaldarsi, il che mi lascia tempo sufficiente anche per finire la sequenza di ...
Translated from RO to IT by Andreaa David
Written in RO by Cristina Vremes

Domani

Distesa sulla schiena, nel dolce conforto delle lenzuola, con gli occhi fissi su un punto invisibile del soffitto, Carlota tentava a fatica di regolare la respirazione, che era rimasta alterata da quando il sogno agitato che stava facendo l’aveva svegliata. Non si ricordava più cosa stesse davvero sognando, soltanto della sensazione disperata che l’aveva costretta a destarsi. A partire da quel brusco risveglio nel cuore della notte, cercava – in tutti i modi di cui era a conoscenza e di cui si ricordava – di abbassare il ritmo cardiaco. Senza risultato, fino a quel momento. Si arrese, tirò giù...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Patrícia Patriarca