View Colofon
Original text "Esmeralda da depressão" written in PT by Luis Brito,
Other translations
Proofread

Maria Gaia Belli

Published in edition #2 2019-2023

Esmeralda

Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Luis Brito

Candele al posto di lampadari, secchi al posto di bidet. Aborti casuali, legali e in abbondanza. Era il Medioevo, e quello era l’ennesimo parto domestico. Venne alla luce, felice, ed era la prima bimba con gli occhi blu. Per la prima volta nascevano sulla terra, sotto il cielo celeste, oculari toni di quanto sta lassù, e non qui in basso. Il primo miracolo dell’estetica. Gli occhi castani e/o neri del Regno non avevano mai visto niente del genere. La signora scese in strada. Con una mano portava verdure biologiche, con l’altra il neonato. Voleva recarsi in chiesa per farlo vedere, magari il prete sapeva cosa volesse dire, magari era scritto nelle scritture, o forse si poteva chiamare il vescovo, se il prete non lo sapeva. Ma soprattutto voleva ottenere le benedizioni e la certezza che non le avrebbero bruciate vive, madre e figlia, che non erano streghe né puttane, che non avevano colpe per quella cosa. “Quella cosa” poteva essere opera del diavolo. E tuttavia - non si sa mai - la signora pensava a qualcosa di bello e innocente. Nell’Età delle Tenebre c’erano sprazzi di buon senso come oggi, come sempre, sprazzi.

Non ci fu bisogno di arrivare fino al vescovo, perché il prete le ricevette e diede subito la sua benedizione - con grande sollievo della madre afflitta - alla condizione, però, che lo accompagnassero dal re. Anche il re le ricevette e imbandì subito un banchetto per festeggiare il miracolo.

Arrivarono carni di tacchino biologico, purè di patate biologiche, uva biologica, cose che non esistevano a quel tempo. La madre, affamata, sbalordita e ancor più sollevata, era meravigliata dall’imponenza del castello, bello fuori come dentro. E i nobili proposero - o meglio, imposero - che la figlia vivesse a corte. Proposero - o meglio, imposero - di chiamarla Esmeralda, e che la madre non rimanesse lì, che la bambina fosse affidata alle nutrici, loro sapevano quello che facevano.

La madre poteva visitare la bambina una volta al mese, ricevendo ogni volta un sacco di monete. I diritti sono doveri, i doveri sono diritti e, con questo sacco, avrebbe sempre potuto dar da mangiare agli altri figli biologici, che ora nascevano, ora morivano, a seconda dei capricci della luna.

Esmeralda fu lasciata in una stanza scura del palazzo. Scienziati e consiglieri del re si riunirono e si affrettarono, assicurando che Esmeralda doveva essere protetta come una perla, al riparo da sguardi malevoli e soprattutto dalla luce, che avrebbe sicuramente bruciato quei gioielli, quelle lenti blu, le prime di sempre, custodite nella piccolezza facciale di una bella bambina.

Giunsero cortei dai quattro angoli del regno per vedere il blu. Si pensò che l’Età delle Tenebre sarebbe terminata, giacché lunghi cortei venivano a vedere il miracolo, a conoscere la nuova figlia reale che, con il suo sangue blu, ora avrebbe prodotto nuovi occhi blu e provato così la purezza della stirpe, l’altezza di quella nazione, una superiorità cavernosa dinanzi ai popoli circostanti.

La notizia arrivò lontana, scalando le montagne, planando sulle vallate, fino a raggiungere i regni vicini, che si affrettavano a presentarsi a corte, rappresentati da diplomatici. Portavano regali dall’India, elefanti e scimmie biologiche dall’Africa, spezie dalla Cina, reggiseni di lana, cose che non esistevano a quel tempo. Le pecore sembravano più grasse, le pianure più piane, le tenebre più blu. Tanti furono i regali, i doni e gli omaggi che il regno, già di per sé ricco, diventò pornograficamente ricco. Diventò un impero e, oggi, in piena decadenza, si dice che fu a causa degli occhi di Esmeralda che la bandiera di quel rettangolo di terra, ai tempi della monarchia, era blu e bianca.

La bimba dagli occhi blu aveva già dieci anni ed era come una capitale tenuta nascosta. Quando il re dava feste la faceva chiamare sempre perché gli ambasciatori la vedessero e la ammirassero tutta in gingheri. Lei arrivava, tirata fuori dalla stanza scura in cui era protetta dalla luce della vita, vestita di fretta dalle nutrici, ripulita dalle lacrime di solitudine e schiavitù, educata a dissimulare.

«Ha gli occhi blu perchè il nostro sangue è blu.»

«È stata mandata da Dio per dimostrare la purezza della nostra nobile stirpe.»

«Sono le Esmeralde dell’Impero, ma la madre, dov’è?» chiese qualcuno, poi ghigliottinato
perché chiedeva di qualcuno.

Esmeralda piangeva sempre di più, era un lago di lacrime e tornava nella sua stanza scura. A causa del buio vedeva solo un volto triste e folle, senza mai capire che quella era la sua ombra. E poi durante le cene i suoi occhi brillavano ancora di più, a causa delle lacrime che non si fermavano e la lavavano. Gli occhi più erano tristi, più erano blu. Questo faceva sì che gli invitati continuassero a bere, il re fosse più grasso e l’impero più ricco.


Pressa pressa


Pressa, pressa, depressione.

Fu così veloce che fu improvviso, il giorno in cui tutto cambiò.

Internet finì, da un giorno all’altro, in un baleno, uno scoiattolo, un colpo di fucile.

Proprio così: Internet finì, molto rapidamente. Pressa, pressa, depressione. Stava andando a lavoro - deprimente - uscito da casa della madre, che aveva una depressione clinica, diagnosticata, certificata. Pressa, pressa, depressione, João si chiedeva cosa fosse la depressione. Filosofeggiava, e quella era la cosa più noiosa di tutte. Era una cosa sociale, non erano solo loro, si vedeva ovunque, non era solo una realtà sociale. La depressione era una legge universale, in depressione tutto sta sotto la pressione, cioè tutto quello che esiste, al di sotto del cielo, e anche al di sopra. La vita è un dosso. Però la madre aveva una depressione diagnosticata, questa era un’altra storia. Una depressione clinica è il culmine della depressione sociale, una cima all’ingiù, una caduta tanto abissale quanto si possa immaginare, anzi, un capitombolo al di là dell’immaginazione. Chi non sa cos’è una depressione clinica non è in grado di comprenderla, così come non è in grado di volare, andare in bicicletta con gli occhi chiusi o nuotare per due ore sott’acqua.

João, nella sua depressione, che era quella della madre, che era quella della società, che era quella della condizione umana, riusciva a malapena a sospettare quale fosse il sapore, quale fosse il sapere, dello stato che si definisce di “profonda depressione”. La madre era chiusa in casa da tre mesi. João entrava e usciva di casa - che aveva l’aria di uno scantinato - trascinandosi dietro la depressione, come un paio di ali. João apriva le finestre della casa solo per fare uscire il fumo delle sigarette e far entrare dell’aria meno compressa. Le dava da mangiare. Se la vecchia madre riusciva a mangiare da sola, il poveretto si sentiva come se avesse conquistato una piccola vittoria.

La depressione è contagiosa. Si attacca alla madre di João, che l’attacca a João, che va al suo lavoro deprimente, che deprime le persone. João lavorava in un negozio di fotocopie e impressioni.

gli era impressionante e deprimente

la quantità di cose deprimenti

che imprimeva quotidianamente.

Compiti di Diritto, tesi inutili che nessuno avrebbe mai letto, lettere di flirts mancati, pamplhet pubblicitari. Tazze con foto di ragazze, tappetini del mouse con marchi di laboratori o imprese farmaceutiche, venditrici di antidepressivi deprimenti. Fotografie di coppie ingannate dall’amore tirate su tela. Adesivi da appiccicare alle macchine. Contaminazione rima con depressione. Era inverno, cosa che, ovviamente, aggravava le depressioni. Il sole brillava solo di tanto in tanto, c’erano molti giorni di pioggia, troppe nuvole, pochi giorni di luce… esiste qualcosa di più deprimente?

In quel giorno d’inverno, però, venne fuori il sole. Lo diceva il bollettino meteorologico. Ma era dicembre e il sole era timido e pallido, come João e le persone che passeggiavano sulla riva del fiume, approfittando dell’occasione. Un piccolo sole timido e pallido rendeva le persone pallide quasi meno timide. Quasi si guardavano già l’un l’altra, quasi già sorridevano, quasi riuscivano a vivere, almeno lì, sulla riva del fiume, almeno lì, in quel giorno d’inverno col sole.

João camminò su e giù, sulla sponda del fiume tranquillo, cercando di scuotere via la depressione. Chiuse gli occhi al sole, offrì la faccia al calore, curò poco o niente. Guardare gli altri lo rendeva più triste. Questa cosa, quando si manifesta, è gravissima, soprattutto per qualcuno che, come nel suo caso, per lavoro deve servire i clienti. Guardò l’orologio, così deprimente. Diceva che era ora di andare al lavoro, a servire le depressioni di altre persone. Nel negozio si sedeva su uno sgabello che gli faceva male alla schiena, faceva ordinazioni per mail, stampava a colori, in bianco e nero, fronte e retro, piccoli e grandi formati. In ogni caso, depressione. Magliette con frasi deprimenti, felpe con frasi deprimenti, regali di Natale. Carte di credito che non funzionavano, computer che si bloccavano. Il fornitore di cartucce che arriva in ritardo, e come se non bastasse la fattura più alta, a causa di chissà quale depressione. L’uomo che porta le cartucce non può farci niente, così risponde, così riporta, sta solo lavorando, non ha nemmeno il diritto di essere. La giornata si concluse. João tornò a casa. Non c’era già più sole per per un bel niente. Quando arrivò a casa, la madre stava guardando il telefono.

Esistevano due diverse vittorie durante la giornata di João: quando la madre mangiava da sola, e quando andava sui social network. Passava tutto l’inverno bloccata e incastrata in quella depressione, a guardare il vuoto. Riusciva solo, di tanto in tanto, a navigare sui social, e solo in caso avesse mangiato. Quando accadeva era segno di miglioramento, per lo meno muoveva le dita e gli occhi, compariva dentro di lei uno sprazzo di vita.

Una depressione clinica e diagnosticata è proprio questo: una persona è così triste che non si muove. È come se fosse morta. Fu proprio questo il giorno in cui João decise di non pagare più la bolletta di Internet.

More by Elisa Rossi

Diário de uma Portuguesa em Angola

Per anni e anni sono stata bombardata da racconti sull’Angola. Racconti che andavano da un eccesso all’altro: da chi si innamora del paese e si sente subito a casa, a chi lo odia e non riesce in alcun modo ad adattarsi. Racconti incredibili, quasi da film, tanto che a noi che ascoltavamo non sembravano veri. Ho sempre pensato che fossero esagerati, come tutte le storie che, passando di bocca in bocca, si ingigantiscono. In questo caso, le bocche erano decisamente troppe. Per anni sono stata indecisa sul voler conoscere o meno un paese così mistico. C’erano momenti in cui pensavo fosse una met...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Patrícia Patriarca

L’Affitto

Le mie dita, indurite dal lavoro e dalla vecchiaia, mi graffiano gli zigomi ogni volta che asciugo le lacrime che continuano a cadere. Sono sicura che il mare non abbia fine e non capisco, se già mi sento morta dentro, da dove arrivino sempre nuovi dolori. Non dovrebbe esserci pace, quando tutto finisce? Io il mare non l’ho mai visto, ma i sentieri so come si percorrono. L’acqua nessuno la ferma, che tanto va sempre dove vuole andare, ma io posso indirizzarla e approfittare della sua impetuosità, prima che fugga di nuovo e vada là, oltre i confini, a riempire i vuoti della mia ignoranza. Non ...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Daniela Costa

La tapioca

Fu il rombo del motore del furgoncino dell’associazione ad annunciare che era ora di pranzo, in quel giorno in cui il sole, dal tanto ardere, non si vedeva. Il vecchio era sotto l’albero di fico, con addosso una camicia molto sporca tutta sbottonata e con un ghigno ironico sulla bocca chiusa per reggere la sigaretta. Restò fermo a guardare la brasiliana – due grandi aloni d’acqua sotto le ascelle e il retro della divisa anch’esso inzuppato – uscire dal veicolo, andare a prendere i contenitori del cibo e dirigersi verso il capannone che fungeva da cucina, dove era solito stare. «Zio João! Zio ...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Daniela Costa

Cose che non cambiano mai

E io ero ancora privo di paura di te, per questo alzavo la mano, chiedendo discendenza dalla tua. E la tua mano allora scendeva, musica di ascensore, calda come pezze di stoffa, aveva vene come le curve dei cobra che stanno sempre zitti, ti rosicchiavi le unghie finché non si chiudevano come conchiglie, e la tua mano allora scendeva discendenza per incontrare la mia e ci incrociavamo per mezzo di questi vermetti che sono le dita. Povero te. Prima di tutto questo hai camminato con me in braccio, mugolavi ninne nanne nel cuore della notte, quando avevi anche bisogno di russare. Mi hai pulito ...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Luis Brito

Domani

Distesa sulla schiena, nel dolce conforto delle lenzuola, con gli occhi fissi su un punto invisibile del soffitto, Carlota tentava a fatica di regolare la respirazione, che era rimasta alterata da quando il sogno agitato che stava facendo l’aveva svegliata. Non si ricordava più cosa stesse davvero sognando, soltanto della sensazione disperata che l’aveva costretta a destarsi. A partire da quel brusco risveglio nel cuore della notte, cercava – in tutti i modi di cui era a conoscenza e di cui si ricordava – di abbassare il ritmo cardiaco. Senza risultato, fino a quel momento. Si arrese, tirò giù...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Patrícia Patriarca
More in IT

Fili

La ricerca inizia senza volerlo. Mi sento legata a lei in maniera allarmante, inspiegabile, e la sua scomparsa mi lascia carica di domande. Quando mi sveglio mi chiedo dove dorma e che vita faccia, e continuo a pensare a lei mentre osservo le nuvole dalla finestra sul tetto e mi masturbo tra le lenzuola, una sensazione morbida e lanuginosa. Quando passo davanti alle bancarelle della frutta del nostro quartiere sfioro le arance con la punta delle dita finché non ne trovo una che mi ricorda lei, con la pelle perfetta. Ero finita nel suo corso per via di un dolore persistente al collo. Il chine...
Translated from NL to IT by Francesco Panzeri
Written in NL by Hannah Roels

Albero mostro bambino albero

Ancora non sappiamo come Óscar riuscì a mangiare il seme, né siamo riu sciti a scoprire dove l’avesse preso. Abbiamo ancora meno risposte in grado  di spiegarci come poté l’albero crescergli dentro, il seme germinare senza  impedimenti, disse il dottore, nella bocca dello stomaco, irrigato solo dai  succhi biliari del bambino. E a sette anni, ci disse sempre il dottore, gli sto maci funzionano così bene. Il corpo del nostro Óscar ‒ allora era ancora il  nostro Óscar ‒ permise all’albero di crescere, alle radici di estendersi attra verso gli intestini e al tronco di stirarsi sottile, cerimonios...
Translated from ES to IT by Valeria Parlato
Written in ES by Mariana Torres

Punto di fuga

Parliamo di un uomo che non vuol perdere la strada di casa. Egli è fatto di  pasta di pane. Si mette in viaggio. Ogni pochi metri l’uomo si stacca di dosso  una briciolina, e la lascia cadere. Prima si stacca un braccio. Poi le orecchie, e  il naso. A seguire si cava un buco in pancia. Nell’immagine successiva guar diamo attraverso il buco dell’uomo. Nel buco vediamo, in lontananza, una  casetta. Dietro la finestra c’è una vecchia davanti a un tavolo. La donna  lavora un ammasso di pasta. Musichetta commovente nel finale.  Parliamo di qualcuno che è felice, ma non di una felicità che valga la ...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Maud Vanhauwaert

Qualche minuto alla deriva

La giornata inizia prima del previsto. Avevo messo la sveglia alle 5.56, per diversi motivi. Volevo avere tempo per la meditazione dell’alba, e insieme, poter aspettare trenta minuti perché la pillola che migliora il funzionamento della tiroide facesse effetto prima del caffè, per poi iniziare una serie di esercizi che combinano lo smaltimento dei grassi alla tonificazione muscolare, usando solo il proprio peso, senza dimenticare, nel frattempo, di accendere il boiler, visto che l’acqua ci mette circa quattro ore a scaldarsi, il che mi lascia tempo sufficiente anche per finire la sequenza di ...
Translated from RO to IT by Andreaa David
Written in RO by Cristina Vremes

A casa

Il mulino, il sentiero che porta al fiume, il pozzo, i cavalli, le mucche e il grano. I secchi crepati colmi di pomodori rosso sangue, i barattoli da conserva ben chiusi con le verdure messe sottaceto per l’inverno. Lo stretto corso d’acqua del Severski Don, che cuce i campi uno all’altro, stringe la Russia all’Ucraina, tiene insieme la cartina come fa il mio bisnonno Nikolaj con le giacche che impuntisce con ago e filo. Il vento nelle vele del mulino, le ragazze del komsomol sulla piazza centrale del paese. Ballano. Si prendono a braccetto, si tengono in equilibrio l’una con l’altra inclinan...
Translated from NL to IT by Olga Amagliani
Written in NL by Lisa Weeda

'Come si può misurare il tempo?'

Come si può misurare il tempo? È possibile comprendere veramente questa categoria del pensiero e della realtà, che ci sfugge continuamente nel momento stesso in cui cerchiamo di percepirla? Nel nostro mondo, in cui orologi e calendari sono accessibili in pochi secondi a chiunque, è difficile immaginare che cosa significasse vivere senza sapere il momento, l’ora, il giorno in cui ci si trovava. Ancora ai tempi dei nostri nonni, soltanto i più ricchi e i più istruiti potevano leggere un giornale e possedere un orologio da taschino: per quanti vivevano e lavoravano nelle campagne, la percezione d...
Written in IT by Fabio Guidetti