View Colofon
Original text "En Verre Vingers Tien" written in NL by Joost Oomen,
Other translations
Published in edition #1 2017-2019

E dieci dita più in là

Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Joost Oomen

POLLICE 
Anche se sei al dodicesimo piano, riesci a sentire il rumore del cantiere. Stai  lavando i piatti. Sei rotolata giù dal letto, ti sei infilata un paio di boxer e a  seno scoperto, senza calzini hai iniziato a fare i piatti sporchi. Siccome l’ac qua calda non è uscita subito dal rubinetto, hai dimenticato di aprire  quella fredda, per cui l’acqua adesso è troppo calda e fa male alle mani. Quando le togli dall’acqua sono paonazze. 
Tutto il piano di lavoro è ricoperto di stoviglie da lavare. In cucina ci sono  pentole anche per terra, e pirofile in vetro, e pile di piattini con degli avanzi  di ricotta indurita sul bordo. Il pavimento della cucina non ha rivesti mento di linoleum o piastrelle, tutto poggia direttamente sul cemento  grezzo. Senti le briciole di cemento stridere sotto il vetro, quando col piede  nudo ti avvicini una teglia sporca. 
Stai pulendo un grosso coltello da cucina. Pieghi la spugna rosa sulla lama e  muovi il coltello in su e in giù, nella tua, che la spugna protegge, mano. 
All’improvviso il coltello inizia a dimenarsi. Ti spaventi, lasci la spugna e  togli la mano dall’acqua. Il coltello continua a rotolare, come un tonno che  preso dal panico prova a districarsi in una rete da pesca. Il coltello si dimena  così tanto che l’acqua saponata schizza in aria. I tuoi boxer e i tuoi seni si  bagnano. Alcune gocce ti atterranno sulle labbra, in bocca senti il sapore di finto limone dell’acqua saponata. Il coltello scintillante riflette il lampada rio della cucina come una lunga striscia gialla proprio sopra la lama. La stri scia balena nell’acqua mentre il coltello cerca nel panico una via di fuga fra  le quattro pareti di acciaio inox. 
Ti accorgi che è la tua stessa mano sinistra a causare la violenta agitazione  del coltello. Lo lasci andare. L’acqua ritorna a uno stato di quiete. Il coltello  ansima sul fondo dell’acquaio. 
Tiri la cordicella del tappo e l’acqua sporca scorre via. Se pensi al  fatto che l’acqua precipita per dodici piani, per poi andare a schiantarsi su  una curva di novanta gradi, quasi ti viene da piangere. 

INDICE 
Stai davanti alla tazza bianca del water, con la porta aperta alle tue spalle.  Con la mano sinistra afferri grosse ciocche di peli pubici. Te li attorcigli at torno al dito e li tagli via con le forbici da cucina. Oggi sei un ragazzo, le ciocche le butti nel water. I peli stanno lì a galleggiare. Tiri lo sciacquone.  Tutti i peli scompaiono. Per il resto della giornata ti prude il cavallo. 

MEDIO 
Nella bibbia leggi il racconto di quella volta che Gesù aveva mal di denti.  Nel racconto Gesù è con i suoi apostoli in un frutteto pieno di limoni  maturi, intento a gustarsi una torta alla frutta, ma ad ogni boccone si con torce per il dolore al dente. Gli apostoli vedono patire il loro mentore e  propongono ogni genere di rimedio. Pietro invia il suo sherpa sulla monta gna a recuperare delle foglie di coca, e quando lo sherpa torna con una  busta di plastica piena, Pietro prova a infilare di nascosto la coca fra i boc coni di torta di Gesù. Luca tira fuori da sotto la tunica una bottiglia di  birra fermentata e prende Gesù per i capelli per tenergli la testa all’indietro,  così da potergli riempire la bocca. 
Sorridente come burro fuso Cristo si oppone a ogni tentativo di  guarigione da parte dei suoi seguaci. Quindi Gesù si china, raccoglie un  ciottolo nero da terra e se lo infila in bocca. Lo sistema con la lingua al  posto giusto, e spalanca la bocca. Un enorme buco nero, con al suo interno  una lingua rossa e più in fondo una fila di denti monchi. Poi, con un colpo  potente udibile in ogni angolo di Israele, Gesù rinserra le mascelle. Luca,  Pietro, Marco, Johnny e tutti gli altri apostoli ovviamente si spaventano a  morte, tuttavia Gesù si porta la mano alla bocca e ci sputa dentro. Nella sua  mano giacciono quattro pezzetti bianchi di molare e un ciottolo nero. Con  l’indice scava cinque fori nel terreno del frutteto di limoni. In ogni foro  egli pianta un pezzetto di dente, e nell’ultimo il ciottolo. Dopo un anno dal  primo pezzetto nasce un albicocco, dal secondo un ciliegio selvatico. Dal  terzo pezzetto di dente nasce un salice piangente e dal quarto un cipresso.  Dal ciottolo dopo molti anni nasce un castagno. Dietro ciascuna foglia a  forma di mano, cresce in un riccio spinoso un nuovo ciottolo nero. 

ANULARE 
L’apostolo Johnny ti ha visitato stanotte. Hai sognato strisce pedonali con  un semaforo sul lato opposto. Eri da sola su questo versante, dall’altro lato  c’erano migliaia di persone. Quando è scattato il verde, tu e le migliaia di  persone avete cominciato a camminarvi incontro. Mentre venivano verso  di te, le migliaia di persone urlavano: “Uaa! Ua-ua-ua! Uaa!”. Alcuni addi rittura urlavano uno “uaaa” prolungato, mentre si battevano il petto.  Faceva veramente paura. 
All’improvviso l’apostolo Johnny si è messo in testa al corteo.  Indossava una camicia celeste, pantaloni dello stesso colore e scarpe bianche. Ha fatto un ampio sorriso, con la bocca aperta, mentre le sopracciglia  nere gli si incurvavano sugli occhi come archi trionfali. Dopo averti rag giunto al centro della strada, l’apostolo Johnny ha estratto un coltello che  teneva infilato nei pantaloni dietro la schiena e ha reciso uno dei tuoi due  pesanti seni. Con il tuo seno nella mano si è voltato elegantemente, il brac cio levato in alto. Dal lato reciso, aperto del tuo seno, numerosi diamantini  schizzarono sulla folla. 
In quel momento ci ha sorvolati un gabbiano. Le sue piume erano imper meabili, poiché tutte impregnate di grasso. Portava un ciottolo nero nel  suo becco giallo, affilato. 

MIGNOLO 
Oggi pomeriggio qualcuno ha infilato una busta con delle banconote nella  tua buca delle lettere. L’hai visto succedere. Uno spettro torto e tremolante  sul ballatoio, dietro il vetro opaco. Il sollevamento dello sportellino, l’appa 
rizione di una delle quattro punte bianche, la caduta della lettera sullo zer bino marrone, ruvido. Lo spettro sparì, e non hai idea di chi fosse. 

MIGNOLO 
Il dodicesimo piano è tremendamente in alto. A volte è parecchio difficile  per te startene qui, così in alto. A volte metti il termostato al massimo,  aspetti fino a quando in casa non si muore per il caldo torrido e secchis simo, ti spogli e stendi il tuo corpo nudo contro la grande finestra. Il fresco  della finestra è meraviglioso sulle guance, sul torace, la pancia e le cosce.  Anche i tuoi glutei cercano refrigerio, ma non è ancora il loro momento.  Senti le lucine gialle scroscianti dell’intera città scorrere attraverso il tuo  corpo nudo. 

ANULARE 
È passato a farti visita un signore. Si è presentato come Amir, Amir della  cooperativa edilizia. Come mai Amir era vestito da clown? Amir aveva ri sposto stupito di non essere affatto vestito da clown. Non hai potuto che  dargli ragione. 
Amir era venuto a consegnarti una lettera in cui era scritto che tu eri l’u nica residente rimasta del palazzo e che il comune e la cooperativa edilizia  insieme ti intimavano di lasciare lo stabile entro due mesi. Tu dicesti ad  Amir che questo non era possibile. Amir ti domandò perché mai non lo fosse. Tu dicesti che ciò non era permesso. Amir disse che dal canto suo  invece lo era. Amir provò inoltre a sorridere teneramente come Gesù nel  frutteto di limoni. Gli riuscì solo per metà. Una metà del viso di Amir si  
fece di burro, l’altra metà di acciaio inox. Glielo dicesti anche tu. Pensavi di  avergli detto così. In realtà dicesti: “Ua! Ua-ua-ua-ua! Uaa!”, al che il volto  di Amir si rabbuiò, lui raccolse le sue cose e con passo impaziente si avviò  verso la porta d’ingresso. Amir lasciò spalancata la porta d’ingresso con il  vetro opaco. 
Ora che fuori è buio, le luci si sono accese all’improvviso sul ballatoio.  MEDIO 
In mezzo all’Oceano Indiano, fra la Tailandia e l’India, si trova un’isola  delle dimensioni di Manhattan, completamente ricoperta da una impene trabile foresta pluviale verde scuro. Dalle fotografie aeree si distinguono nel  fitto della foresta tre laghetti. La spiaggia bianca si sviluppa tutto intorno  alla foresta come una muraglia, ma attraverso la spessa coltre di foglie degli alberi si può solo ipotizzare quali cose accadano sull’isola. 
Quest’isola si chiama Sentinella del Nord. È la dimora dell’ultimo gruppo  di persone sulla terra a vivere totalmente isolato dal resto del mondo. Il go verno indiano, che amministra l’isola, vieta tassativamente il contatto con  la tribù. Da quando il divieto entrò in vigore nel 1996, c’è stato un unico in 
contro fra i Sentinellesi e la civiltà moderna. Due pescatori, intenti a pe scare illegalmente nelle acque attorno a Sentinella del Nord, si  addormentarono e furono trascinati con barca e tutto il resto verso le  acque poco profonde nei dintorni dell’isola. Quando un gruppo di  Sentinellesi armati di arco e frecce trovarono i pescatori, questi vennero  catturati, imprigionati e uccisi. 
Nel bosco su Sentinella del Nord ha messo piede non più di una manciata  di non Sentinellesi. L’unica volta che una spedizione si addentrò nella fore sta, fu nel gennaio 1880. Un gruppo di avventurieri britannici sotto la  guida del capitano Maurice Vidal Portman scoprì un sistema di sentieri che  attraversava i fitti boschi, e percorrendo quei sentieri raggiunsero un villag gio. Il villaggio era deserto. Coltelli di bambù e pentole abbandonati sugge rivano che gli abitanti fossero partiti in fretta e furia. Nel mezzo del  villaggio la spedizione rinvenne un enorme cumulo di carbone, cenere e  tronchi carbonizzati. Le braci covavano ancora. Il cumulo era così grande  che il capitano Portman iniziò a sospettare che quel fuoco stesse bruciando  da decenni. Dato che non furono trovate pietre focaie o legnetti per lo sfregamento Portman determinò che, a un certo momento, in quel villaggio si  fosse casualmente acceso un fuoco per la caduta di un fulmine, e che  questo fosse stato conservato per generazioni. Ora il grande fuoco si era  spento. 
Nessun Sentinellese ha ancora mai provato ad allontanarsi dall’isola. I  Sentinellesi rimangono nascosti fra le foglie del verde bosco. Piccole onde si  infrangono calme sulle bianche spiagge. Se ti metti a sedere a una sedia, in  silenzio, chiudi gli occhi, e pensi a loro, puoi esser certo che in quello stesso  momento, sulla loro isola, essi vivono. In attesa del fulmine e del tutto  ignari della tua esistenza. 

INDICE 
“Apostolo Johnny”, dici. 
“Apostolo Johnny, riesci a sentirmi?”. 
Non arriva risposta. 
Ti sei stesa sulla schiena davanti alla porta d’ingresso, con il collo poggiato  sulla soglia e la testa appena fuori sul ballatoio. Guardi le stelle. Fa freddo.  Il vento fa dei suoni sibilanti mentre rotea instancabilmente lungo lo sta bile. Anche le stelle emettono un suono. Puoi sentire il loro profondo  ronzio mentre inviano ai tuoi occhi luce lontana miliardi di chilometri.  Certe stelle si trovano a migliaia di anni luce di distanza l’una dall’altra,  mentre tu puoi assorbirle dentro di te in un batter d’occhio. Un imbuto  per fili di luce di proporzioni intergalattiche finisce esattamente nella tua  pupilla. 
“Apostolo Johnny”, dici alle stelle. 
“Apostolo Johnny, riesci a sentirmi?”. 
Ma non c’è nessuna astronave ammiraglia che mandi un segnale. Nessuna  stella che ammicchi proprio a te, nessuna luna che cada e ti inghiottisca  nella sua luce d’argento. La mano dell’apostolo Johnny rimane nascosta  nell’oscurità del cielo, le sue dita non si rivelano e non ti raccolgono. 

POLLICE 
Anche se sei al dodicesimo piano, riesci a sentire il rumore del cantiere.  Una voce maschile, una radio, un trapano. Il vento e i suoni inondano la  tua casa attraverso la porta spalancata e quando esci sul ballatoio vuoto e allunghi la mano sul parapetto, senti che sta piovendo anche se il cielo è  limpido fin dove arriva il tuo sguardo. 
Non sono gocce d’acqua quelle che vedi cadere, è lo Spirito Santo. Tanti  piccoli Spiritelli Santi cadono sul palmo della tua mano e da lì scivolano in  piccoli rivoli o rimangono immobili come fiocchi di neve. Fiocchi di  Spirito Santo scendono volteggiando e tu sei felice. Ti volti, con il para petto del ballatoio contro la schiena e provi a piegarti il più possibile all’in dietro e spalanchi la bocca, così che lo Spirito Santo possa cadere dentro di  te. 
Ma appena ti sporgi oltre il parapetto, lo Spirito Santo cambia sembianze.  Dove poco prima lo Spirito Santo era acqua e neve, viene adesso giù dal  cielo in forma di puntine da disegno, lamette da barba e vecchi coperchi di  latta. Ti spaventi e provi a coprirti la faccia con le mani. Ma lo Spirito Santo  ti taglia, ti graffia, ti cade sulle guance, la fronte e da tanti piccoli taglietti esce fuori sangue rosso vivo. 
Allora ti arrendi. Senti il bordo superiore del parapetto che ti scivola  contro le reni, lungo le natiche, e di colpo il baricentro del tuo corpo si  sposta in un balzo verso la testa, e tu cadi. A testa in giù e a braccia spalan cate il cantiere ti viene incontro. 
“Apostolo Johnny, riesci a sentirmi?”. Ma non c’è stella che mai abbia affer rato un uomo.

More by Antonio De Sortis

Manovra

È la fine di gennaio, un sabato, è passato un anno da quando hai lasciato il  cuociriso da lei. Versi il caffè in due tazze e togli le fette dal tostapane. La  zuccheriera è sulla penultima mensola nella credenza sopra i fornelli.  Quando ti ci allunghi, la spalla ti scricchiola in un modo orribile. Lei alza lo  sguardo dal telefono, che è poggiato sulla tavola accanto ai suoi occhiali.  Metti la zuccheriera sul tavolo, ti scusi e seduta in bagno piangi. Se espiri  lentamente riesci quasi a coprire i singhiozzi. A malapena un’eco. Un se greto che condividi con il calendario sulla porta.  Ti la...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Simone Atangana Bekono

Dichiarazione di dipendenza

Poco tempo fa, a un barbecue, ho conosciuto una persona che aveva  appena avuto un bambino. Era la sua prima uscita in pubblico. Confessò,  con il bambino fra le braccia, che questo fatto l’aveva resa dipendente. Nel  dire così fece una faccia delusa, e ne parlava come se fosse una confessione.  Sembrava che per lei la dipendenza fosse una forma di fallimento.  Come per tutti noialtri, credo.  Alla dipendenza si associa il più delle volte qualcosa di debole e poco  attraente, di brutto addirittura. Se pensiamo all’indipendenza, vediamo  invece un che di forte, di attraente, l’obiettivo a cui t...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Rebekka de Wit

Anche se non puoi vederne che una goccia

The white cracker who wrote the national anthem knew what he was doing.  He set the word “free” to a note so high nobody can reach it.   That was deliberate.  Angels in America (Tony Kushner) Io e mio padre eravamo per strada verso l’aeroporto. Andavo per un mese  in America e per lui venire a salutarmi era questione di vita o di morte. Stavo andando a Charleston, una cittadina sulla costa del South  Carolina. Mio padre mi chiese che aspetto avesse il posto e in quel mo mento realizzai di non aver googlato nemmeno una foto.  Sapevo soltanto che c’era stata una sparatoria, nel seminterrato di...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Rebekka de Wit

Punto di fuga

Parliamo di un uomo che non vuol perdere la strada di casa. Egli è fatto di  pasta di pane. Si mette in viaggio. Ogni pochi metri l’uomo si stacca di dosso  una briciolina, e la lascia cadere. Prima si stacca un braccio. Poi le orecchie, e  il naso. A seguire si cava un buco in pancia. Nell’immagine successiva guar diamo attraverso il buco dell’uomo. Nel buco vediamo, in lontananza, una  casetta. Dietro la finestra c’è una vecchia davanti a un tavolo. La donna  lavora un ammasso di pasta. Musichetta commovente nel finale.  Parliamo di qualcuno che è felice, ma non di una felicità che valga la ...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Maud Vanhauwaert

Bollettino dell’ultimo giorno

I suppose, I said, it is one definition of love, the belief in something that only  the two of you can see.  – Rachel Cusk, Outline Per l’ennesima volta mi impedisce di tirare fuori dallo zaino la mappa dell’i sola.  – Così sembriamo proprio delle turiste, – mi dice.  – Ma è quello che siamo, no? – domando io.  Lei non risponde, ma aggrottando le sopracciglia guarda lo schermo del te lefono. Qualcuno le ha suggerito un’app con cui scaricare le mappe di un’a rea specifica, per poterle usare anche offline. Stando dietro alla freccia verde   sul display, che cambia posizione se siamo fermi e ch...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Lotte Lentes

Il sole quando cade

I  Il mattino dell’11 luglio 1978 un camion parte con un carico di propene li quido in direzione di Barcellona. Il camion proviene da una piccola città  della Catalogna ed è guidato da un autista con due grossi baffi nel mezzo  della sua faccia lucida. Sono vent’anni che guida lo stesso mezzo per conto   della stessa società, e conosce a memoria la rete stradale spagnola. Per evi tare le autostrade a pedaggio sceglie sempre le strade nell’entroterra.  Le bombole del gas non dovrebbero stare a lungo sotto il sole, meno che  mai una bombola enorme che contiene venticinque tonnellate di propene ...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Joost Oomen

Le bugie si accumulano in fretta

Non intendevo sollevare un polverone del genere. Ma all’improv viso è successo. Raccontai a scuola dell’incidente stradale, e una cosa tira  l’altra.  Mi ero talmente stufato degli esami che mi alzavo sempre tardi, e  ogni volta mi ripromettevo di iniziare in anticipo per dare una sfogliata alle  cose che non avevo studiato. Dopo il bip-bip esasperante della sveglia di  mia madre, che entrava al lavoro molto presto, ripiombavo in un sonno  profondo, così profondo che sentivo a stento suonare la mia. Mio padre  veniva a buttarmi giù dal letto appena in tempo. Ma ciò non avvenne il  lunedì dell’...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Carmien Michels

Bubblegum blues

Ventitré euro e quaranta. È la somma che campeggia in cifre verde rana  sullo schermo della cassa della biglietteria. Due pallide mani rugose inseri scono con cautela gli spiccioli gialli e marroni nel pannello scorrevole, uno  ad uno, accanto a una banconota da venti euro. Subito dopo le mani chiu dono la cerniera del borsellino di pelle, mentre la relativa voce femminile emette suoni tranquillizzanti.  – Sta’ un po’ zitto, c’è un biglietto anche per te, – sussurra la signora  al suo cane, che comunque rimane fuori dall’inquadratura. Quando il pan nello scorre nuovamente verso di lei le monet...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Carmien Michels
More in IT

Di demoni e di destrieri

Ricordo ieri come fosse... ieri. Da Bruxelles ho preso il treno per LʼAja (due treni in realtà, ho dovuto fare un cambio) solo per andare ad ammirare dal vivo una singola tela.  Il demone del desiderio ossessivo si era impadronito di me e non mi restava altro da fare che assecondarlo, partire. Il viaggio, però, è stato tuttʼaltro da come me lʼero immaginato (un bel viaggio rilassante per i Paesi Bassi) e me ne sono accorto quasi subito, poco dopo essere uscito dallʼalbergo ed essermi lasciato tutto e tutti alle spalle. Alla Gare du nord di Bruxelles per un pelo non sono salito sul treno sbagli...
Translated from SL to IT by Lucia Gaja Scuteri
Written in SL by Mirt Komel

Punto di fuga

Parliamo di un uomo che non vuol perdere la strada di casa. Egli è fatto di  pasta di pane. Si mette in viaggio. Ogni pochi metri l’uomo si stacca di dosso  una briciolina, e la lascia cadere. Prima si stacca un braccio. Poi le orecchie, e  il naso. A seguire si cava un buco in pancia. Nell’immagine successiva guar diamo attraverso il buco dell’uomo. Nel buco vediamo, in lontananza, una  casetta. Dietro la finestra c’è una vecchia davanti a un tavolo. La donna  lavora un ammasso di pasta. Musichetta commovente nel finale.  Parliamo di qualcuno che è felice, ma non di una felicità che valga la ...
Translated from NL to IT by Antonio De Sortis
Written in NL by Maud Vanhauwaert

Diario

21 agosto Mi chiamo Erik Tlomm e questo è il mio diario. Scrivo su prescrizione dello psichiatra, a quanto pare allo scopo di una più pronta guarigione. Ma a chi dovrei scrivere nello specifico? A lui? A Lina, mia moglie? Non vorrà mica mostrarle quello che scrivo? «Scriva a sé stesso» è stata la risposta dello psichiatra a queste mie perplessità. Ho quindi comprato un quadernetto in pelle e ora mi ritrovo qui, a questa scrivania, a scrivere un diario a me stesso, anche se non riesco a liberarmi della strana sensazione di non stare scrivendo solo per me, ma pure per qualcun’altro – ma chi? 2...
Translated from SL to IT by Lucia Gaja Scuteri
Written in SL by Mirt Komel

Sinossi

Il racconto che ho iniziato a scrivere potrebbe diventare sia il brano di un’antologia di racconti brevi - incentrati su diversi personaggi collegati tra loro - oppure il frammento di un young-adult. Siamo nel futuro prossimo e all’interno in una chat di genitori apprensivi scoppiano allarmismi e scandali, fluendo a catena in una ristretta comunità, apparentemente attenta e giusta, ma in realtà livida di invidie e individualismi. Emerge forte - mentre si snodano schermaglie, menzogne, pose e affermazioni di piccoli poteri meschini – la totale incomprensione della vita emotiva dei figli da part...
Written in IT by Arianna Giorgia Bonazzi

Esmeralda

Candele al posto di lampadari, secchi al posto di bidet. Aborti casuali, legali e in abbondanza. Era il Medioevo, e quello era l’ennesimo parto domestico. Venne alla luce, felice, ed era la prima bimba con gli occhi blu. Per la prima volta nascevano sulla terra, sotto il cielo celeste, oculari toni di quanto sta lassù, e non qui in basso. Il primo miracolo dell’estetica. Gli occhi castani e/o neri del Regno non avevano mai visto niente del genere. La signora scese in strada. Con una mano portava verdure biologiche, con l’altra il neonato. Voleva recarsi in chiesa per farlo vedere, magari il pr...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Luis Brito

Diário de uma Portuguesa em Angola

Per anni e anni sono stata bombardata da racconti sull’Angola. Racconti che andavano da un eccesso all’altro: da chi si innamora del paese e si sente subito a casa, a chi lo odia e non riesce in alcun modo ad adattarsi. Racconti incredibili, quasi da film, tanto che a noi che ascoltavamo non sembravano veri. Ho sempre pensato che fossero esagerati, come tutte le storie che, passando di bocca in bocca, si ingigantiscono. In questo caso, le bocche erano decisamente troppe. Per anni sono stata indecisa sul voler conoscere o meno un paese così mistico. C’erano momenti in cui pensavo fosse una met...
Translated from PT to IT by Elisa Rossi
Written in PT by Patrícia Patriarca